0

Abbiamo riaperto da più di una settimana il Centro Semina (c’è molta provenienza immigrata, ma non solo), un centro giovanile interculturale, dove ragazzi dai 6 ai 18 anni vengono per essere aiutati a studiare, socializzare, in poche parole a diventare adulti civili e consapevoli di diritti e doveri.

Il Centro è in via Policastro 45 , al terzo piano dell’ ex scuola Pavoni, nella zona di Torpignattara.

Il centro, diretto dal Prof. Vanni Piccolo e animato da altri volontari, come lui, ha bisogno ancora di molti rinforzi come insegnanti/educatori.

È aperto tre pomeriggi a settimana (lunedì, mercoledì e venerdì ) dalle 16.00 alle 18.30, presto vorremmo arrivare fino alle 19.00. Ma per far questo abbiamo bisogno dell’aiuto di competenze, esperienze e tanta buona volontà.

C’ è un grande bisogno di insegnanti di MATEMATICA, SCIENZE, INGLESE, LETTERE. Matematica rappresenta la maggiore necessità.

E POI C’ È BISOGNO DI QUALCUNO CHE, CON SANTA PAZIENZA, METTA SU UN PICCOLO LABORATORIO DI LETTURA E RICONOSCIMENTO DELLE PAROLE.

È un lavoro duro ma eroico: ci sono giovanissimi figli d’immigrati che conoscono l’italiano ancor meno dei propri ragazzi e che quindi non possono essere di alcun aiuto nei loro percorsi scolastici, e sentono la fatica di questo inserimento.

UN BUON E APPASSIONATO INSEGNANTE DI ITALIANO, ANDREBBE BENONE.

Per i più piccoli (scuola elementare) c’è bisogno di maestri (non necessariamente diplomati alle magistrali); serve lavoro di animazione, cura e sostegno nei compiti per i più piccoli. Figure a metà  fra l’insegnante, il genitore, il fratello maggiore…

Due avvertenze molto importanti : chi fa il volontario in un centro come il nostro deve sempre avere presente: 1) sostenerli nello studio o nelle attività sociali e ricreative vuol dire soprattutto educare e sostenere dei giovani a crescere. Insegnare per noi è soprattutto “restituire” e “formare”; 2) quelli del centro Semina non sono ragazzi difficili, ma sono ragazzi quasi sempre respinti, messi ai margini. Per la lingua, per la religione, per incompetenza degli insegnanti, certe volte.

A tutti coloro che vogliono aiutarci, e che fraternamente ringraziamo fin d’ora, mandiamo un caloroso  abbraccio.

Scriveteci a: associazione@nessunluogoelontano.it

Leave a Comment