0

 

10 febbraio

Roma – Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma – Seminario: “Il diritto e la responsabilità della cittadinanza»

Nessun luogo è lontano con l’Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Roma, Cgil, Cisl, Uil, Ugl e le Fondazioni Altramente, Farefuturo, Formiche, Italianieuropei.

«Ciò che si auspica è una significativa revisione della legislazione in materia di cittadinanza, finalizzata a renderne più flessibile il sistema di accesso alla cittadinanza italiana, secondo il principio dello ius soli, da prevedere insieme a quello dello ius sanguinis».

Questo l’elemento primario del messaggio uscito dal Seminario di studi tenutosi oggi a Roma nella sede della Provincia. L’iniziativa promossa da Nessun luogo è lontano in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Roma, CGIL, CISL, UIL, UGL e la partecipazione delle Fondazioni Altramente, Farefuturo, Formiche, Italianieuropei, ha realizzato gli scopi per cui è stato promosso: favorire uno scambio di idee e proposte in tema di cittadinanza, tra operatori e addetti ai lavori.

Con toni ed accenti specifici, gli interventi hanno dichiarato l’urgenza di provvedimenti che riducano il tempo necessario per l’acquisizione della cittadinanza per naturalizzazione, nonché della necessità di un contestuale potenziamento di politiche tese a favorire percorsi di integrazione e intercultura.

In Italia i cittadini di origine straniera sono circa 4 milioni e i loro figli più di 800mila, alcuni dei quali nati sul territorio nazionale, altri arrivati nei primi anni di vita. Cittadini che contribuiscono per un decimo al PIL nazionale. Questi dati e la loro lettura comparata con i vari indicatori civici, impongono processi di forte e qualificato investimento in politiche che favoriscano le nuove forme della convivenza; poiché solo così si possono ridurre gli spazi di agibilità per la marginalizzazione sociale e dunque la violenza.

I partecipanti al Seminario hanno insistito nell’auspicio di una riforma della legge sulla cittadinanza che leghi l’acquisizione della stessa alla effettiva partecipazione degli individui alla vita economica, sociale, politica del Paese, nonché all’apporto di ciascuno allo sviluppo della comunità di residenza.

Durante i lavori si è fatto riferimento alle iniziative di legge depositate in Parlamento. Si è formalizzata, altresì, da parte degli organizzatori l’intenzione di realizzare un convegno sull’iter parlamentare in corso sulla materia per il 26 gennaio 2010 a Roma.
I promotori dell’odierno seminario si riservano, inoltre, di valutare l’opportunità di rilanciare iniziative di sensibilizzazione sui temi affrontati, in vista ed oltre la data del 26 gennaio.

Scarica il Comunicato Stampa

Leave a Comment