Comunicato stampa Posted febbraio 11, 2011 by nslgl.admin

0

Roma, 10 febbraio 2011

Contro la chiusura dell’UNAR – Ufficio del Governo contro le discriminazioni

La Lega Nord che da sola governa l’immigrazione italiana su delega del Governo, propone la chiusura dell’UNAR, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Governo.

Se chiusura sarà, nessuno ci farà più sapere dei sindaci che assegnano alloggi pubblici, borse di studio o bonus bebè non sulla base dei requisiti, ma di discriminazione razziale, religiosa, di orientamento sessuale.

Roma, 10 febbraio 2011

Contro la chiusura dell’UNAR – Ufficio del Governo contro le discriminazioni

La Lega Nord che da sola governa l’immigrazione italiana su delega del Governo, propone la chiusura dell’UNAR, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Governo.

Se chiusura sarà, nessuno ci farà più sapere dei sindaci che assegnano alloggi pubblici, borse di studio o bonus bebè non sulla base dei requisiti, ma di discriminazione razziale, religiosa, di orientamento sessuale.

Nessuno censurerà il Preside “razzistello” o l’impiegato pubblico che respinge un “frocio” allo sportello.
Una barbarie civica di cui l’UNAR non è l’antidoto, ma un soggetto pubblico che insieme ad altre agenzie rappresenta il livello civile raggiunto dal nostro Paese.

In una democrazia ci devono essere buoni ed equilibrati strumenti di controllo pubblico; ricordiamo in proposito che l’UNAR è un ufficio di Palazzo Chigi non una cellula anarco-insurrezionalista.

Con questo comunicato non speriamo che i proponenti si ravvedano, né che la Lega metta a riposo i suoi pretoriani più sbracati. Noi vogliamo parlare agli uomini di buona volontà della maggioranza, augurandoci che impediscano questo scempio ed esprimiamo solidarietà a tutti i nostri concittadini del nord; noi non ce l’abbiamo e non ce l’avremo mai con voi, ma voi non dimenticate di essere migliori di quelli che oggi votate.
 
Scarica il comunicato

Leave a Comment