Raccolta fondi NELL

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Per effettuare una donazione tramite bonifico bancario, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  • Eseguire un bonifico bancario a favore di "Associazione Nessun luogo è lontano"
  • IBAN: IT65P0832703243000000003948
  • c/c in essere presso Banca di Credito Cooperativo di Roma - Ag. 121
  • Come causale, indicare "Donazione per "Banca di Credito Cooperativo di Roma - Ag. 121"
  • Inviare copia del bonifico effettuiato a: [email protected]

Vi informiamo che  da gennaio 2020 è cambiato il bonus fiscale in favore delle associazioni del terzo settore.

Per maggiori informazioni:

https://quifinanza.it/fisco-tasse/maxi-bonus-fiscale-cosa-prevede-riforma-terzo-settore/348450/ GRAZIE!

Totale Donazione: €100,00

Tag: Ue

Migranti e profughi: la Ue dialoga con la società civile italiana

by Redazione

Una delegazione del Cese (Comitato economico sociale europeo) ha incontrato sindacati ed organizzazioni italiane della società civile. La missione ‘d’osservazione’ dell’organo consultivo della Ue

di Giuseppe Casucci

“Una missione di due giorni in Italia per toccare con mano i problemi, i bisogni e le sfide con i quali si confronta quotidianamente la società civile nel gestire la crisi dei rifugiati”. E’ questa…



In quei visi la nostra speranza

by Redazione

di Fabrizio Molina

Spero che nell’ultimo week end abbiate comprato i giornali, che li abbiate letti e, soprattutto, sfogliati. C’è il pianto disperato senza lacrime del soldato turco che raccoglie il bambino riverso bocconi sul bagnasciugae morto per colpa nostra. Un omone di quasi due metri ripiegato su se stesso da quell’orrendo dolore. Il suo essere padre, uomo, soldato sembra annichilito e noi con lui. Un omone immenso che regge un corpicino sparuto come quello di un cucciolo di gatto e che lascia trasparire una pietas che molti sembrano aver dimenticato.

Ma è sui giornali di domenica la scoperta incredibile,



In quei visi la nostra speranza

by Redazione

di Fabrizio Molina

Spero che nell’ultimo week end abbiate comprato i giornali, che li abbiate letti e, soprattutto, sfogliati. C’è il pianto disperato senza lacrime del soldato turco che raccoglie il bambino riverso bocconi sul bagnasciugae morto per colpa nostra. Un omone di quasi due metri ripiegato su se stesso da quell’orrendo dolore. Il suo essere padre, uomo, soldato sembra annichilito e noi con lui. Un omone immenso che regge un corpicino sparuto come quello di un cucciolo di gatto e che lascia trasparire una pietas che molti sembrano aver dimenticato.

Ma è sui giornali di domenica la scoperta incredibile,



L’agenda europea sull’immigrazione: mezzo passo. Il Centro Astalli chiede un deciso cambio di marcia

by Redazione

Nonostante alcuni flebili segnali positivi il Centro Astalli (la sede italiana del Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati-JRS) esprime perplessità e preoccupazione per l’approvazione dell’agenda sull’immigrazione da parte della Commissione europea.

“Ci pare – scrivono nel comunicato che riportiamo quasi integralmente – una misura decisamente positiva il ricollocamento dei rifugiati in tutti i paesi dell’Unione secondo indici precisi. Finalmente si supera di fatto il Regolamento di Dublino che obbliga a chiedere asilo nel primo paese europeo in cui si giunge.” Restano importanti nodi da sciogliere. Eccoli: …



Cerca

Archivi