Raccolta fondi NELL

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Per effettuare una donazione tramite bonifico bancario, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  • Eseguire un bonifico bancario a favore di "Associazione Nessun luogo è lontano"
  • IBAN: IT65P0832703243000000003948
  • c/c in essere presso Banca di Credito Cooperativo di Roma - Ag. 121
  • Come causale, indicare "Donazione per "Banca di Credito Cooperativo di Roma - Ag. 121"
  • Inviare copia del bonifico effettuiato a: [email protected]

Vi informiamo che  da gennaio 2020 è cambiato il bonus fiscale in favore delle associazioni del terzo settore.

Per maggiori informazioni:

https://quifinanza.it/fisco-tasse/maxi-bonus-fiscale-cosa-prevede-riforma-terzo-settore/348450/ GRAZIE!

Totale Donazione: €100,00

Categoria: Opinioni

Occorre uno sforzo congiunto, per non smettere di essere umani

by Redazione

Dare una chance ai profughi di rilvolgersi agli Stati e non agli scafisti

di Beppe Casucci, Coord. Nazionale UIL Dip. Politiche Migratorie, vicepresidente Nell e Cir

Inginocchiati seminudi davanti agli scafisti, scherniti e torturati con frustate e secchi d’acqua gelata; tenuti a digiuno per giorni, a meno che non abbiano soldi per contrattare un misero pasto; donne e bambini sottoposti a violenze da parte di aguzzini armati.

Questo succede…



La minestra servita dai giudici

by Redazione

di Fabrizio Molina

So bene che un territorio contaminato, resta contaminato per anni. E’ così per Chernobyl, sarà così per le politiche sociali del Comune di Roma. Ieri la Cgil di Roma ha organizzato un convegno sulla legalità, speriamo bene! L’ultima volta che il Pd ha invitato Pignatone a un suo convegno, il giorno dopo hanno arrestato mezzo mondo. Chi ha qualcosa da nascondere, tenti almeno di prendere l’aereo stanotte.

Io sono uno di quelli che occupandosi di Servizi Sociali senza essere…



LA FOTOGRAFIA

by Redazione

cooperation

di Fabrizio Molina

Una delle più belle e struggenti canzoni che siano mai state scritte: composta da quel genio allucinato che era Enzo Iannacci. La Fotografia. Andatela a sentire o a risentire. Morirei dalla voglia di raccontarla a chi non la conosce ma la ucciderei. Passa in un lampo dalla sua bocca al cuore e non riesci più a dimenticarla.

La maggior parte delle foto sono foto,…



Non basta solo l’intelligence. Serve la politica

by Redazione

Con questo titolo l’articolo di Giovanna Zincone – sul rapporto tra religioni, ‘fratture culturali e fratture economiche’ nella società contemporanea – è apparso sul quotidiano “La Stampa” del 22 gennaio

«Dovremmo chiedere a Dio di liberarci di Dio»: così ha iniziato la sua omelia domenica scorsa un sacerdote sano di mente. Si riferiva al fatto che gli umani…



L’immigrazione, ultima frontiera dello jihadismo?

by Redazione

di Beppe Casucci

Si parla molto (anzi si straparla) in questi giorni del rischio terroristico per l’Europa e dell’eventualità (per qualcuno addirittura una probabilità) che alcuni jihadisti s’infiltrino tra i poveri cristi, provenienti dalle province più povere dell’Africa, affrontino le perigliose traversate armati di tutto punto, pronti ad uccidere gli infedeli europei, o quantomeno farsi saltare in aria, assieme ai loro compagni di sventura all’arrivo delle navi di Triton. C’è chi ne fa addirittura una bandiera, …



Il governo: un tavolo per capire. Ma perché chi ci lavora sul serio resta fuori?

by Redazione

Studiare l’immigrazione è bene, meglio sarebbe farlo anche con chi  supporta i migranti concretamente ogni giorno. Meditate, gente, meditate.

di Giuseppe Casucci

Quello dell’immigrazione è un tema complesso e multi valoriale che riguarda oltre 200 differenti etnie e culture, attraversa a 360 gradi la complessa problematica della nostra società e può essere affrontato solo con mente aperta e scevra di pregiudizi. Negli ultimi 20 anni i flussi migratori…



L’omicidio della satira

by Redazione

di Fabrizio Molina

La cosa che mi viene in mente dopo la carneficina al giornale satirico Charlie Hebdo, è l’ironia con cui la storia ci ha contraddetto. La mia generazione e quella precedente hanno imparato dai nostri coetanei del maggio francese un sacco di cose, moltissime giuste, qualcuna sbagliata. Era il 1968 e alcune di quelle cose venivano riassunte in slogan. Uno diceva: “una risata vi seppellirà”!

Oggi verrebbe da pensare



Cerca

Archivi